Novità in cucina

domenica 22 aprile 2018

PAPPARDELLE ALL'UOVO CARCIOFI E RICOTTA

Con gli ultimi carciofi freschi potete provare quest'ottimo primo piatto veloce e gustoso. Difficile trovare un'abbinamento con il sapore tutto particolare dei carciofi, ma la dolcezza del porro e la delicatezza della ricotta sono ottimi alleati per la riuscita di questo piatto.


Nota della spesa
g. 140 di pappardelle all'uovo
g. 100 di ricotta fresca
1 porro
1 carciofo
prezzemolo tritato
brodo vegetale
olio extra vergine
sale, pepe
*****************************************************************************************
Rosolare in padella il porro tagliato a rondelle con due cucchiai di olio unire i carciofi tagliati a julienne e fare cuocere aggiungendo poco brodo vegetale. A fine cottura aggiungere ancore due cucchiai di olio, correggere di sale e pepe unire il prezzemolo tritato.
Nel frattempo cuocere le pappardelle, scolarle e farle saltare in padella e amalgamare bene, aggiungere la ricotta spolverare ancora di prezzemolo e servire.
                                                    BUONA DOMENICA
                                                              Siate sempre lieti.
                                                                   Nonna Dani



giovedì 19 aprile 2018

PANE CASARECCIO CON MIX DI FARINE BIO


Sicuramente mi ripeto ma posso fare a meno di carne, pesce verdure ma del pane no. Cosa c'è di meglio di una bella fetta di pane appena sfornato, quando la cucina e non solo è piena del suo inconfondibile profumo? Fragrante, croccante come piace a me fatto di sola farina acqua e li.co.li ben rinfrescato! Ho preparato il mix con rimanenze di farine 100 g. di un tipo 100g. di un altroe un altro ancora, alla fine ho ripulito la dispensa da scacchetti mezzi vuoti e il risultato è stato molto, molto soddisfacente.
Nota della spesa
g. 100 di farina bio
g. 100 di farnia integrale bio
g  400 di farina macinata a pietra 1
g. 100 farina manitoba per poolish
g. 100 licolarancia rinfrescato 2 volte
g. 300 di acqua di cui g. 100 per poolish 
sale qb.
******************************************************************************************
Per il poolish
Ho fatto lievitare in un vaso capiente g.100 di licolarancia già rinfrescato 2v. con g. 100 di acqua e g.100 di farnia manitoba poi ho provveduto a fare l'impasto per il pane. Nella planetaria ho impastato il poolish, le farine e l'acqua lavorando l'impasto ad una velocità bassa. Ho aggiunto altra acqua all'impasto per renderlo morbido e non appiccicoso. Ho aggiunto un bel pizzicone di sale. Ho ripreso l'impasto sul tagliere fatto alcune pieghe e messo lievitare per 5/6 ore.
 Ho ripreso l'impasto e ho fatto le forme le ho lasciate lievitare poi cotte in forno caldo 200° per 40 minuti.
                                                         Siate sempre lieti.
                                                              Nonna Dani

           Questa ricetta  la inserisco nella raccolta "ricette itineanti" di Sandra"

domenica 15 aprile 2018

CUOR DI MELA

L'idea per questa ottima torta l'ho trovata sul web non ricordo in quale sito ma sono certa che era cuor di pera. Volete che io non cambi qualcosa? Impossibile anche perchè amo più le mele delle pere e allora mela sia. La mela al centro della torta doveva essere più intatta, forse ha cotto troppo, ma il sapore è ottimo e la torta è soffice.... dal dolce profumo di mela.



Nota della spesa
g. 250 di yogurt bianco bio
g. 100 di farina 0
g. 100 di farina di riso
g.  90 di zucchero
g.   50 di olio di arachidi
2 uova
3 mele 1 cucchiaio di zucchero di canna
1 bustina di lievito chimico
sale
*******************************************************************************************
Montare le uova con lo zucchero unire a filo l'olio, le farine il pizzico di sale infine lo yogurt e il lievito. Amalgamare bene poi aggiungere 2 mele tagliate a cubetti. Sbucciare la mela rimasta e lasciarla intera.
 Foderare uno stampo diametro cm 24  con la carta forno mettere al centro la mela intera e versare l'impasto sopra lanciando fuoriuscire il picciolo, cospargere la superficie con zucchero di canna.
    Cuocere in forno caldo a 200° per 30 minuti. Spolverare la superficie con lo zucchero a velo e servire tiepida.                                                        
                                                           OTTIMA!!
                                                       BUONA DOMENICA
                                                        Siate sempre lieti.
                                                             Nonna Dani



domenica 8 aprile 2018

SPAGHETTI ALLA PUTTANESCA per QUANTI MODI DI FARE E RIFARE

Non c'è niente da dire sull'ottima ricetta che ci propone la nostra cuochina per l'appuntamento mensile dei "Quanti modi di fare e rifare" gli spaghetti alla puttanesca sono una vera bontà. Le sue origini dal "colorito nome" sono varie, ci sono diverse teorie e leggende che si conoscono, ma pare che il nome si riconduca alle case di appuntamento dove per attirare gli avventori venivano cucinati questi veloci e saporiti spaghetti.  Il piatto tipico dell'isola di Ischia prevede i capperi che ho comprato ma dimenticato di aggiungere al mio sugo e le olive di Gaeta che ho sostitutito con olive verdi denocciolate e olive tiaggiasche. E' un sugo abbastanza veloce da preparare anche all'ultimo, quando non ci sono idee o quando arrivano ospiti inattesi. E' un primo piatto decisamente gustoso e saporito

Nota della spesa
G, 140 di spaghettoni
g. 200 di pomodori perini freschi
g. 50 di olive verdi e olive tiaggiasche
3 acciughe sott'olio
peperoncino piccante
1 spicchio d'aglio
alcuni cucchia di passata di pomodoro
1 cucchiaio di pezzemolo tritato
olio extra vergine
sale 
*******************************************************************************************
Ho tritato finemente l'aglio ho aggiunto un goccino di olio e con l'aiuto del coltello ho fatto una cremina densa. In una padella ho rosolato in due cucchiai d'olio la cremina di aglio, le acciughe, il peperoncino poi ho aggiunto il pomodoro tagliato a cubetti alcuni cucchiai di passata e ho lasciato amalgamare per bene il sugo. A metà cottura ho aggiunto le olive, ho aggiustato di sale e continuato la cottura per altri 10 minuti.
Nel frattempo ho buttato gli speghetti nell'acqua bollente e a cottura ultimata li ho scolati e versati in padella per  amalgamarli al sugo con una spolverata di prezzemolo.
Grazie di cuore ad Anna &Ornella alla cuochina a voi che che avete cucinato insieme a me. 
                                                                     Siate sempre lieti.
                                                                         Nonna Dani






venerdì 6 aprile 2018

FOCACCIA CON CARCIOFI E EMMENTHAL

 Questa focaccia pensata come svuotafrigo li.co.li compreso, è squisita.  La trovo giusta e invitante per una cenetta primaverile o per accompagnare antipasti oppure una merenda sul prato. 
Ho usato il licoli rimasto da un rinfresco e per la farcitura ho svuotato il frigo di ingredienti che stazionavano da un pò, carciofi, emmenthal a fette e per ultimo, anche il porro.... doveva fare la sua parte. Naturalmente se si vuol realizzare una focaccia morbida e ben lievitata i tempi di preparazione si allungano un pò ma vi assicuro che ne vale la pena. 
Nota della spesa
g, 450 farina 0 e 00 W260
g, 90 licoli attivo
g.315 acqua
g, 10 sale
2 cucchiai di olio evo
4 cuori do carciofi
1 porro
g. 200 di emmenthal a fette
olio evo, sale
*******************************************************************************************
Ho iniziato facendo l'autolisi in questo modo: ho impastato con un cucchiaio velocemente tutta la farina e g. 300 di acqua e ho lasciato riposare circa 1 ora a temperatura ambiente. Ho ripreso l'impasto e nella planetaria ho aggiunto il licoli ed ho iniziato ad impastare, ho aggiunto l'olio e il sale sciolto nei g, 15 di acqua rimasta. Ho incordato e lasciato riposare per circa 30 minuti in una ciotola a temperatura ambiente. Successivamente ho fatto tre passaggi di pieghe nella ciotola sempre a distanza di 30 minuti. Infine ho lasciato fermo l'impasto coperto da pellicola per 1 ora fuori dal frigo. Trascorso questo tempo l'impasto dava già segnali di lievitazione, l'ho messo nel frigo lasciandolo per cifra 20 ore. Il giorno successivo l'ho lasciato acclimatare e lievitare per circa 2 ore, poi l'ho steso in uno stampo rettangolare, lasciato ancora lievitare per circa 1 oretta. Nel frattempo in una padella ho rosolato in due cucchiai di olio il porro tagliato sottile, ho aggiunto i  cuori di carciofi tagliati a julienne e lasciati insaporire e cuocere per circa 30 minuti, li ho insaporiti con sale e pepe e lasciato raffreddare.
Ho ripreso la base della mia focaccia e l'ho guarnita con i carciofi e l'emmenthal.
L'ho cotta in forno caldo 200° per circa 30 minuti.
                                                              OTTIMA
                                                         Siate sempre lieti.
                                                             Nonna Dani
Con questa ricetta partecipo al contest: MEAT FREE CONTEST ideato da Una mamma che cucina ed ospitato dal blog I biscotti della zia

martedì 3 aprile 2018

FILONI DI PURA SEMOLA RIMACINATA

 Favoloso questo pane!! Devo ringraziare Sere per il suo blog golosando..serenamente molto bello, ricco di ricette e consigli utilissimi. Ho fatto e rifatto il buonissimo pane di pugliese con la semola ho preparato i panini di semola ottimi e morbidissimi, ma questo pane è super. Lo so che il procedimento è lungo ma ne vale la pena. Per la sua preparazione ho preso seriamente in considerazione l'autolisi o idrolisi che haimè ho sempre fatto per poco tempo con l'impasto già compreso del li.co.li. Non sto a spiegare tutte le proprietà dell'autolisi e i benefici che da al pane, dico solamente che basta entrare nell'ordine di idee di farlo preparandolo per tempo (acqua e farina) per la procedura vi rimando ai consigli di Sere e alla sua ricetta che ho impropriamente copiato con buoni risultati.
Nota della spesa
g.700 di semola rimacinata
g. 450 di acqua
g. 140 di licoli attivo
g. 15 sale
******************************************************************************************
 Autolisi di circa 2 ore  con farina e tutta l'acqua, poi nella planetaria ho aggiunto il licoli attivissimo e quando l'impasto si è incordato ho aggiunto il sale sciolto in poca acqua.  L'impasto è risultato morbidissimo meraviglioso al contatto, ho fatto una serie di pieghe nella ciotola a distanza di circa 30 minuti, poi ho lasciato lievitare 4/5 ore. L'ho ripreso per fare ancora alcune pieghe e la pirlatura, l'ho lasciato riposare per poco tempo, ho formattato in due filoni e messo nel canovacci infarinati e infine negli stampi da pluncake. 
A questo punto ho messo i miei stampi dentro un sacchetto di plastica per alimenti, riposti in frigo  e lasciati per 20 ore circa.  Il giorno dopo ho ripreso i miei filoni e lasciati acclimatare poi aiutata dai tovaglioli li ho capovolti nella leccarda calda e cotti in forno caldissimo prima a 250° poi 220 poi 200 per un'ora abbondante.
Buonissimo, ottimo nel sapore, con una crosta fragrante e una mollica che non vi dico!!
                                                           Siate sempre lieti.
                                                                 Nonna Dani

giovedì 29 marzo 2018

FILETTO DI MAIALE RIPIENO



 Per caso ho preparato il filetto di maiale ripieno. Si perchè fermandomi davanti al banco della carne del supemercato, non ho potuto fare a meno di pensare come avrei potuto preparare il bel filetto che si presentava ai miei occhi e non cadere nella solita preparazione di un filetto tagliato alto, spesso, al pepe verde ecc. Ho fatto tagliare dal macellaio la carne a libro per poterla farcire, ho comprato il prosciutto cotto e naturalmente i funghi prataioli freschi.  Tutto qui. 
Nota della spesa
1 filetto di maiale tagliato a libro
1 etto di prosciutto cotto
g. 200 di funghi prataioli
prezzemolo tritato
1 spicchio d'aglio
pane grattugiato
 olio evo
sale e pepe
*********************************************************************************************

Come prima cosa in un pentolino ho soffritto leggermente in poco olio lo spicchio d'aglio e un cucchiaio di prezzemolo tritato, ho aggiunto i funghi tagliati sottili e fatto cuocere per circa 15 minuti.
 Ho salato e pepato il filetto di maiale da ambo le parti, poi ho riempito  con le fettine di prosciutto cotto, i funghi e una bella spolverata di pane grattugiato mescolato al prezzemolo. Ho richiuso il filetto, cucito con spago da cucina e fatto rosolare in un tegame con poco olio. A cottura ultimata l'ho tagliato a fette e servito con insalata di stagione.
Buon appetito
                                                   Siate sempre lieti.
                                                        Nonna Dani